GLI SFODERABILI VILLA SALOTTI

2 febbraio
2012

La collezione di imbottiti tessili Villa Salotti è costituita da modelli completamente sfoderabili: ciò significa che è possibile “svestire” interamente il proprio divano, letto o poltrona  con poche e veloci operazioni.

L’articolo di oggi è un modo per rispondere alle numerose domande che spesso i nostri clienti mi pongono su come mantenere nel tempo il loro divano: spero di riuscire così a fornire alcune indicazioni utili per risolvere i dubbi su come sfoderare e lavare i divani, le poltrone e i letti Villa Salotti.

I divani e i letti, di tanto in tanto, devono essere sottoposti ad operazioni di pulizia per eliminare la polvere e ravvivarne il colore.

In genere, per una pulizia periodica è sufficiente spazzolare  i foderi e sbattere i cuscini e si consiglia di passare l’aspirapolvere almeno una volta alla settimana. All’occorrenza, è possibile utilizzare un panno morbido leggermente imbevuto di acqua e ammoniaca. Raccomando sempre, prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia, di “testare” i prodotti che si intendono utilizzare su un angolo nascosto o una parte interna del tessuto.

Per una pulizia più profonda è consigliabile sfoderare e lavare il divano o il letto almeno una volta all’anno, preferibilmente in corrispondenza della bella stagione, quando porte e finestre possono essere tenute aperte a lungo. E opportuno pulire a fondo anche la parte del divano sotto la fodera, prima di rivestirlo nuovamente, passando l’aspirapolvere: con la bocchetta dotata di spazzola si passa l’intero divano, mentre con la lancia si passano bene fessure e angoli, per togliere anche briciole e residui solidi incastrati.

Per  i divani e le poltrone occorre rimuovere tutti i cuscini di seduta e di schienale e sfoderarli aprendo le apposite cerniere,

 

poi si  apre la cerniera situata nella parte posteriore della struttura del divano ( al centro dello schienale o in corrispondenza degli spigoli, a seconda dei modelli),

 

infine si stacca il velcro situato lungo il perimetro esterno del divano e, sfilare la fodera da entrambi i lati partendo dagli angoli.

Per i letti occorre rimuovere il rivestimento del giroletto staccando il velcro e successivamente sfilare il rivestimento della testata.

A seconda del tessuto scelto  è possibile lavare il fodero a secco o in acqua, a mano o in lavatrice .

Per il lavaggio a secco bisogna affidarsi alle lavanderie specializzate.

Il lavaggio in acqua è un’operazione praticabile a mano o in lavatrice. Per il lavaggio in acqua del rivestimento, è opportuno prestare attenzione alle informazioni  fornite al momento dell’acquisto relative alla temperatura massima del lavaggio e,alla necessità o meno di stirarlo dopo l’asciugatura. Occorre impostare un programma per tessuti delicati utilizzando un detersivo neutro, preferibilmente liquido, per evitare la formazione di aloni. Le fodere vanno lavate di rovescio, in acqua fredda (massimo 30°C) e non vanno né centrifugate né asciugate nell’asciugatrice.  E’ importante attenersi a questi suggerimenti per mantenere il rivestimento sempre in buono stato.

Noi bagniamo sempre i tessuti prima di tagliarli per evitare che questi si restringano  durante il lavaggio. Inoltre  le nostre sarte prestano la massima attenzione  alle cuciture che sono molto robuste:  la doppia cucitura e la cucitura ribattuta garantiscono una maggiore resistenza sia all’usura che ai lavaggi.  Inoltre i nostri foderi sono interamente  sorfilati, cioè  rifiniti con una cucitura ad andamento a zig zag che ne impedisce la sfilacciatura. Potete verificarlo togliendo il rivestimento e osservando le cuciture interne.


Spero di aver fornito indicazioni chiare e semplici  e invito a contattarmi in caso di ulteriori dubbi.

 

 

 

 

 

 

Tag: , , , , ,

I Commenti sono chiusi